HOME  - COME NASCE IL CANZONIERE -  IL CANZONIERE E LE SCUOLE  - RECENSIONI -    MAIL -INFO SULL' AUTORE-   

ASCOLTO E DOWNLOAD   LETTERA SULLA CULTURA POPOLARE

 

 IL CANZONIERE DI SAN SEVERO

VOL. N. 1  e vol. N. 2

                                        ALCUNI TESTI ED  ACCORDI DEI BRANI CON TRADUZIONE IN ITALIANO 

n.b. il dialetto è qui inteso come lingua parlata,

e non corrisponde ad un'esatta grammatica dialettale.

                         

                                                                  BRANI CON ACCORDI E TRADUZIONE

vol. n. 1

 

Zì Pasqualine.                                       

Testo e musica di Nazario Tartaglione (S.I.A.E)

TRATTO DA "IL CANZONIERE DI SAN SEVERO " VOL. N. 1      

ISPIRATO AD  UN ANEDDOTO DI NAZARIO MUMMOLO.                         

                                                                                                                                                                                           

Zi Pasqualine sone 'u ruganette

DO                 SOL7                    DO   SOL7   

Sotte a lu sole annande a la porte

Ca quande sone devente ‘na feste

Ki ce ferme e cante appresse

cante appresse a u ruganette

  

Zi Pasqualine sone ‘u ruganette

RE                  LA7                      RE    LA7

mmeze a la strede sone l’urganette

Vedisse a gente addevente ‘na feste

Chi ha cantete e chi ha ballete

Chi c’è pure mmaretete

RE                  LA7                      RE    RE7

 

Ritornello:

sona sona

SOL   RE

Zi Pasqualine

LA7     RE    RE7

sona sona

ka jè fatte matine  ( e cande a jalline  )

 

Zi Pasqualine sone l’urganette

sone l’urganette pure s’è sfascete

Sotte a lu sole ammeze a la strede

ka ji lu sente ancore, pure se tutte è cagnete

                                                                                  

Ritornello. 

sona sona

Zi Pasqualine

sona sona

ka è fatte matine

(E cante a jalline)

 

TRADUZIONE

Zio Pasqualino suona l’organetto

Sotto al sole, davanti la porta

Che quando suona diventa una festa

Chi si ferma e canta appresso,

canta appresso all’organetto

Zio Pasqualino suona l’organetto

Suona l’organetto in mezzo alla strada

Vedessi la gente diventa una festa

Chi ha cantato e chi ha ballato

Chi s’è pure maritata

  

Ritornello:

suona suona, zio Pasqualino

suona suona ed è fatto mattino 

suona suona Zio Pasqualino

suona suona e canta la gallina

 

Zio Pasqualino suona l’organetto

Suona l’organetto pure s’è sfasciato

Sotto al sole in mezzo alla strada

Che io lo sento ancora, anche se tutto è cambiato

 

Ritornello:

suona suona, zio Pasqualino

suona suona ed è fatto mattino

 suona suona Zio Pasqualino

suona suona e canta la gallina

  

'U MATONE

TESTO E MUSICA DI NAZARIO TARTAGLIONE (S.I.A.E.)

TRATTO DA "IL CANZONIERE DI SAN SEVERO " VOL. N. 1

 

Nu matone 'u sa me lea purta', me lea purtà                                           

MI-  RE          MI-   RE           MI-   RE   MI

Quande vaje a fatija' me lea purta' me lea purtà

SOL  RE        SOL   RE     SOL      SI7     MI-            

 

Nu' matone sene e au poste du pene me lea purta'

Quande vaje a fatija' senza magna' senza magna'

 

Ritornello:

Se nno 'u padrone  madda caccià

SOL  RE     MI-     SOL RE MI-

Se no 'u padrone  ne me fa cchiu' fatijà

DO         SOL          RE        SI7          MI-  RE  MI-  RE

  

Nu matone 'u sa me lea purta', me lea purta'

Quande vaje a zappa' senza magna' senza magna'

 

Nu' matone sene  au poste du pene me lea purta'

Quande vaje a fatija'  me lea purta'

 

Ritornello:

Se nno 'u padrone madda caccia'

Se no 'u padrone ne me fa cchiu' fatija'

 Se no 'u padrone m'adda caccia'

Se no 'u padrone penza ca voje rrubba'

 

Nu matone 'u sa me lea purta', me lea purta'

Quande vaje a zappa' senza magna' senza magna'

 

                                          Pausa musicale

Ritornello:

Se nno 'u padrone madda caccia'

Se no 'u padrone ne me fa cchiu' fatija'

 Se no 'u padrone  m'adda caccia'

Se no 'u padrone penza ca voje rrubba'

Se no 'u padrone penza ca voje rrubba'

 

 

TRADUZIONE

Un mattone lo sai, devo portarmi …

Quando vado a lavorare, lo devo portare

 Un mattone intero al posto del pane

Quando vado a lavorare senza mangiare

 Ritornello:

se no il padrone  mi caccerà

se no il padrone non mi fa lavorare

 un mattone lo sai mi devo portare

quando vado a zappare

 un mattone intero al posto del pane

quando vado a lavorare

 ritornello:

se no il padrone mi caccia

se no il padrone non mi fa  lavorare

se no il padrone mi caccia

se no il padrone pensa che voglio rubare

 

 

SOTTE A LI STELLE.

TESTO E MUSICA DI NAZARIO TARTAGLIONE (S.I.A.E)

TRATTO DALL’ALBUM  “NOMADE MEDITERRANEO”.

 

Durme sotte ai stelle sotte a lu ciele ce sta lu mbrelle

RE-                  DO                  RE-               DO

Mbrelle zuccarille sotte a li stelle e tu pignatille

Durme sene sene tutte la notte senza penzire

Durme e sunne allerije ca repe l’occhije è fenute ajire

 

Mmh... Mmh... La la la lai la ...

 

Durme sotte ai stelle sotte a lu ciele ce sta lu ‘mbrelle

Mi-                    RE                  MI-               RE

Mbrelle  d’arve e fogne sotte a lu ciele chi t’arrecogne

Durme zitte zitte se no la lune pu ce ruspegne

E se ce ruspegne morene i sonne ma che  pucchete

 

Mmh... Mmh... La la la lai la ...

 

Rit:

Adda passa’        sta notta scure

SOL FA RE-      SOL FA RE-

Adda passa         senza pavure  la la lala la lai la...

SOL FA RE-      SOL FA RE-   DO   RE-   DO

 

Durme durme belle sotte a li stelle sotte ce sta lu mbrelle

Mbrelle panarille sotte a li stelle sta pure quille

durme e ng penzanne a questa vite nen ge penzanne

Come a rote gire ca repe l’occhije è passete awanne

 

Durme sotte ai stelle sotte a lu ciele ce sta lu mbrelle

Mbrelle venarille sotte a li stelle  tu vivatille

Durme zitte zitte se no la strede pu ce ruspegne

E se ce ruspegne cadene i stelle, come staielle

  

Ritornello.

 

TRADUZIONE

Dormi sotto le stelle, sotto il cielo c’è un ombrello

Un ombrello zuccherino sotto le stelle prendilo

Durmi profondamente tutta la notte senza pensieri

Dormi di sogni allegri,e aperti gli occhi sarà giorno

 Dormi sotto le stelle, sotto il cielo c’è un ombrello

 di alberi e foglie sotto al cielo chi ti soccorre

Dormi in silenzio se no la luna si sveglia

E se si sveglia cadono le stelle, ed è un peccato

 Rit:

Passerà, questa notte scura, passerà, senza paura

 Dormi sotto le stelle, sotto il cielo c’è un ombrello

Ombrello di pane, sotto le stelle c’è anche quello

Dormi e non ci pensare, a questa vita non pensare

Come una ruota gira in un batter d’occhi  è passato un anno

 Dormi sotto le stelle, sotto il cielo c’è un ombrello

Ombrello di vino, sotto le stelle bevilo

Dormi zitto zitto se no la strada si sveglia

E se si sveglia cadono le stelle come scie di luce 

ritornello.

  

E' SCIUTE JURNE              

Testo e musica di Nazario Tartaglione (S.I.A.E)

Tratto dall’album " TRIBU’ "      

È sciute jurne, sope a stu munne ka ce gire turne turne                                  

                  MI-                    DO7+             MI-             DO7+

come nu chene, come nu chene sciute pazze a chiene a chiene

                  MI-                    DO7+             MI-             DO7+

 

È sciute jurne, che quistu sole ka me pere avvelenate

nen t’he chelore, nen t’he calore, tocche e ne m’ha ‘ngavedete 

è sciute jurne, pure se sta angore chi ce more de feme

e chi invece jette settete au cavede lu pene sene sene

 è sciute jurne, è sciute jurne angore pure sope ai chiese

chi porte chiuse, chi porte chiuse andò nen tracene speranze 

e tu fereme accusì, nen za cchiù cambà

SI-                 SI7                 

MI-                    DO7+             MI-             DO7+

 

ritornello:    aiuteme a capì come ce po’ cagnà,

                     LA -              MI-          SI-                 SI7             

                    aiuteme a capì andò ce po’ cagnà

                     LA -              MI-          SI-                 SI7             

è sciute jurne, sope a da facce ka te freche annanze annanze

è proprije jisse, ka t’ha frechete jisse ca te jeve cumbagne

 

è sciute jurne, sope a sti strede ca nen te portene a nende

‘ndo stà ‘a meserije ka da jind a l’aneme da gent l’ha mandate

e tu fereme accusì, nen za cchiù cambà.

Ritornello.

 

TRADUZIONE

È di nuovo giorno, su questo mondo che gira su se stesso

 Come un cane, impazzito piano piano

È di nuovo giorno, con questo sole che mi

sembra avvelenato, non ha colore, non ha calore,

tocca ma non mi ha scaldato

 È di nuovo giorno, anche se c’è ancora chi muore di fame,

e chi invece butta seduto al caldo il pane sano sano.

 

È di nuovo giorno, ancora, anche sulle chiese

Con le porte chiuse dove non entrano speranze

 E tu perso così non sai più come è giusto vivere

 Aiutami a capire come si può cambiare 

Aiutami a capire dove si può cambiare

 È di nuovo giorno, su quella faccia che ti imbroglia

davanti ai tuoi occhi, è  proprio

lui che t’ha tradito, lui che era un tuo amico

 È di nuovo giorno, su queste strade che non portano a niente,

dove la miseria dalle anime degli uomini,  le ha ricoperte.

E tu fermo così, non sai più come vivere

 

 NE DECENNE CCHIU’.

TESTO E MUSICA DI NAZARIO TARTAGLIONE (S.I.A.E)

TRATTO DA “IL CANZONIERE DI SAN SEVERO” VOL. N. 1

 

DIMME CH’E’ SUCCESSE  2V.

A QUIST’OCCHIJE BELLE 2V.

 

DIMME CH’E’ CAGNETE 2V.

PECCHE’ ST’OCCHIJE BELLE CE SO RRUVENETE

 

RITORNELLO:

NE DECENNE TU  NEN’ TE VOJE BENE CCHIU’

NE DECENNE TU...

  

DIMMI CHE’E SUCCESSE 2V.

A QUISTI DUJE STELLE 2V.

 

DIMME TU CH’E’ STETE 2 V.

PECCHE’ ST’OCCHIJE BELLE MO CE SO’ STUTETE

 

RITORNELLO:

NE DECENNE TU  NEN’ TE VOJE BENE CCHIU’

NE DECENNE TU...

  

DIMME CH’E’ SUCCESSE  2 V.

PECCHE’ ST’OCCHIJE BELLE NE’NZO CCHIU’ LI STESSE

 

DIMME FUSSE STETE  2 V.

FORSE QUACCHEDUNE CE VO MALAMENTE

 

RITORNELLO:

NE DECENNE TU  NEN’ TE VOJE BENE CCHIU’

NE DECENNE TU...

  

ACCORDI 

LA-    FA   DO    MI7

 

 

TRADUZIONE

 

DIMMI CHE E’ SUCCESSO, A QUESTI OCCHI BELLI

 DIMMI CHE E’ CAMBIATO

PERCHE’ QUESTI OCHI BELLI

NON SONO PIU’ GLI STESSI

 

RITORNELLO

NON DIRE TU, CHE NON MI VUOI BENE PIU’

NON DIRE TU...

  

DIMMI CHE E’ SUCCESSO

A QUESTE DUE STELLE

 DIMMI TU CHE E’ STATO

PERCHE’ QEUSTI OCCHI BELLE SI SONO SPENTI

 NON DIRE TU, NON TI VOGLIO BENE PIU’

NON DIRLO TU

  

DIMMI CHE E’ SUCCESSO

PERCHE’ QUESTI OCCHI BELLI

NON SONO PIU’ LI STESSI

 DIMMI FORSE E’ STATO PERCHE’ QUALCUNO CI VUOLE MALE

 

RITORNELLO

 

 'U CORE PAZZE

TESTO E MUSICA DI NAZARIO TARTAGLIONE (S.I.A.E)

Tratto dall’album “NOMADE MEDITERRANEO”

 

VATTE 'U CORE,VATTE 'U CORE  PAZZE

MI-                  SI7  MI-             SI7        MI- 

VATTE 'U CORE  PAZZE COME 'U JATTE

MI-                  SI7  MI-             SI7        MI- 

VATTE QUANDE PASSE 'A PECCERELLE

SOL      RE            SOL         RE       SOL

ROSCIA ROSCIA COME 'NA CERESE

LA-                         SI7               MI- SI7

 

VATTE 'U CORE  VATTE 'U CORE  PAZZE

VATTE 'U CORE  VATTE JIND A LA CHIAZZE

VATTE QUANDE PASSE 'A PECCERELLE

DOCIA DOCIA  COME 'NA CERESE

  

RITORNELLO

E TU NN’HA VU’ CAPI’

RE                   SOL

JIND A STA PECUNDRIJE

SI7                 MI-

MO MO T'HANNA PASSA’

RE                    SOL

STA BELLA MALATIJE AJE AH AH…

SI7                  MI -               SI7 MI- SI7  MI-

 

VATTE 'U CORE VATTE 'U CORE  PAZZE

VATTE 'U CORE  PAZZE QUAND E' NOTTE

VATTE QUANDE PINZE  'A PECCERELLE

ROSCIA ROSCIA MAMME A CUMME E' BELLE

 

VATTE 'U CORE  VATTE 'U CORE  PAZZE

VATTE 'U CORE  FINE ' JIND A LU LETTE

VATTE 'U CORE E TU NE PIGNE SONNE

SOTT'A SOPE COME 'NA CUPERTE

 

RITORNELO

E DICE FESSARIJE  JIND A STA PECUNDRIJE

MO MO T'HANNA PASSA STA BELLA MALATIJE

 

VATTE 'U CORE  VATTE 'U CORE  PAZZE

VATTE 'U CORE  PAZZE COME 'U JATTE

VATTE QUANDE PASSE 'A PECCERELLE

TOSTA TOSTA  COME 'NA CERESE

 

VATTE 'U CORE VATTE 'U CORE  PAZZE

VATTE 'U CORE  VATTE E NE RAGIONE

VATTE QUANDE PASSE 'A PECCERELLE

ASPRE E DOCIE  COME 'NU LEMONE

 

 

TRADUZIONE

 

Batte il cuore, batte il cuore pazzo

Batte il cuore,pazzo come un gatto

Rossa rossa come una ciliegia

 

Batte il cuore, batte il cuore pazzo

Batte il cuore, batte nella piazza

Bate quando passa la piccina

Dolce dolce come una ciliegia

 

Ritornello:

e tu non vuoi capire, in questa noia assolata

si,!!! adesso ti passerà questa bella malattia

 

Batte il cuore, batte il cuore pazzo

Batte il cuore pazzo quando è notte

Batte quando pensi alla piccina

Rossa rossa, mamma mia com’è bella

 

Batte il cuore, batte il cuore pazzo

Batte il cuore pazzo dentro al letto

Batte il cuore  etu non prendi sonno

Sotto sopra come una coperta

 Ritornello:

e dici fesserie , in questa noia assolata

si,!!! adesso ti passerà questa bella malattia

 batte il cuore, batte il cuore pazzo

batte il cuore pazzo come un gatto

batte quando passa la piccina

dura dura come una ciliegia

 

batte il cuore, batte il cuore pazzo

batte il cuore, batte e non ragiona

batte quando passa la piccina

aspra e dolce come un limone

 

  

CANTA CANTE.

TESTO E MUSICA DI NAZARIO TARTAGLIONE (S.I.A.E)

Tratto dall’album “NOMADE MEDITERRANEO”

                                                                                                              

Se questa vita ‘nge po’ suppurtà

MI-                  LA-          SI7    MI-   LA-   SI7

Se il mondo gira in fretta e male fa

MI-                  LA-          SI7    MI-  LA-  SI7

Se non hai più parole per scaldare il tuo cuore

MI-   LA-       SI7         MI-   LA-       SI7

 

Ritornello:

Canta cante ka te passe

SOL  RE MI- DO

S ‘a jurnate è nere cante jinde a la chiazza

Canta cante ka te passe

S ‘a nuttate è nere cante jind a la chiazza

Cante ca te passe…

MI-     LA-     SI7    MI-   LA-   SI7

 

 Se questa vita non la capisci più

Se anche il cielo non ha lo stesso blu

E se il tempo passa svelto rubando tutti i sogni tuoi

 Ritornello:

Canta cante ka te passe

S ‘a jurnate è nere cante jinde a la chiazza

Canta cante ka te passe

S ‘a nuttate è nere cante jind a la chiazza

Cante ca te passe…

 

Cambio:

Scialala come una fune tesa,

LA-                MI-

scialalalala la vita dondola

Scialala restare in equilibrio,

scialalalala  non sempre riuscirà

LA-                MI-                    RE

 Ritornello.

  

TRADUZIONE 

SE QUESTA VITA NON SI SOPPORTA PIU’

SE IL MONDO GIRA IN FRETTA E MALE FA

SE NON HAI PIU’ PAROLE PER SCALDARE IL

TUO CUORE

 

RITORNELLO:

CANTA CANTA CHE TI PASSA

SE LA GIORNATA E’ NERA CANTA NELLA PIAZZA

CANTA CANTA CHE TI PASSA

SE LA NOTTATA E’ NERA CANTA NELLA PIAZZA

CANTA CHE TI PASSA

  

SE QUESTA VITA NON LA CAPISCI PIÙ

SE ANCHE IL CIELO NON HA LO STESSO BLU

E SE IL TEMPO PASSA SVELTO RUBANDO TUTTI I SOGNI TUOI

 RITORNELLO:

CANTA CANTA CHE TI PASSA

SE LA GIORNATA E’ NERA CANTA NELLA PIAZZA

CANTA CANTA CHE TI PASSA

SE LA NOTTATA E’ NERA CANTA NELLA PIAZZA

CANTA CHE TI PASSA

 

CAMBIO:

SCIALALA COME UNA FUNE TESA,

SCIALALALALA LA VITA DONDOLA

SCIALALA RESTARE IN EQUILIBRIO,

SCIALALALALA  NON SEMPRE RIUSCIRÀ

 

 AJISCE SOLE.

Testo e musica di Nazario Tartaglione (S.I.A.E)

Tratto da IL” CANZONIERE DI SAN SEVERO “VOL N. 1

                                                                                                                            

Ajisce, jisce sole!

Ajisce, jisce sole!

Ajisce, jisce sole!

Ajisce, jisce sole!

 

Sope a chi sta murene mmeze ‘a vije

MI

E c’arrevote jind a questa pecundrije

LA9

Sope a chi sbatte ‘a chepe ‘mbacce au mure

Sule sule sotte a stu ciele scure

  

Ajisce, jisce sole!

MI

Ajisce, jisce sole!

LA9

Ajisce, jisce sole!

Ajisce, jisce sole!

  

Sope a chi sta ballanne  mmeze ‘a vije

E ka ‘u pigne pe pazze ‘a pulezije

Pecchè è vune ka no, nen t’he chiù nende

Sole ‘a voglie cambà e  ‘a chepa ‘nderre

 

Ajisce, jisce sole!

Ajisce, jisce sole!

Ajisce, jisce sole!

Ajisce, jisce sole!

 

 TRADUZIONE

NASCI! NASCI SOLE!

 SOPRA CHI STA MORENDO PER LA VIA

E SI RIBELLA A QUESTA INDOLENZA

SOPRA CHI SBATTE LA TESTA AL MURO

SOLO, SOTTO QUESTO  CIELO SCURO 

NASCI! NASCI SOLE!

 SOPRA CHI STA BALLANDO PER LA VIA

CHE LO PRENDE PER PAZZO LA POLIZIA

PERCHE’ E’ UNO CHE NON HA PIU’ NIENTE

SOLO LA VOGLIA DI VIVERE E LA TESTA A

TERRA

 NASCI! NASCI SOLE!

  

 

‘U PUZZE.

Testo e musica di Nazario Tartaglione (S.I.A.E)

Tratto da IL” CANZONIERE DI SAN SEVERO “VOL N. 1

  STEVE SETTETE ‘MBILE ‘MBILE AU PUZZE

MI-                                

SPIEVE ABBASCE ‘NDO’ RREVEVE ‘U FUNNE

                 LA-                                              MI-    

 

STEVE SETTETE ‘MBILE ‘MBILE AU PUZZE

STEVE E PENZEVE E ME SPIEVE ATTURNE

  

L’ARIJE NE JE’ CCHIU’ ‘A STESSE

MI-

PERE AVVELENETE COME ‘NFUSSE RESPERET

                                       LA-                                MI-

 ‘NGELE E’ FATTE BRUTTE, 

PURE C’HE STANGHETE, COME SE STESSE MALETE

 E ‘A VITA MIJE          KA CENE VA…

                      DO7+       RE            MI-

 STEVE SETTETE AVVUCINE AU PUZZE

STEVE E SPIEVE BBASCE QUANT’E’ BRUTTE

CE STEVE VUNE K’AVE CCISE ‘U FRETE

E KA REREVE COME NU DANNETE

 

FEMMENE CHIAGNENNE KI CRIATURE ‘NGOLLE

KI E’ MALETE E KI ‘N T’HE ‘U PENE

PU KI CENE FUJE KA E’ CADUTE A BBOMME

E CHI DICE EVVIVE A WERRE

 E ‘A VITA MIJE KA CENE VA…

 

STENGHE  SETTETE PROPRIE SOPE  AU PUZZE

SENTE NU VENDE KA QUESE ME PORTE

NU VENDE STRENE KA VE’ DA MUNTENE

JE’ FRIDDE E NIRE, JE’ NU VENDE STRENE

  

KI CE JETTE ‘NDERRE KA NE VO CAMBA’

CHI INVECE C’ADDA BUCA’

SENZA SENTEMENTE CUSI’ CE VA ANNANZE

A CHI CE JEGNIJE PRIME ‘A PANZE

  

E ‘A VITA MIJE KA CENE VA…

STAVO SEDUTO SUL CIGLIO DEL POZZO

GUARDANDO GIU’ DOVE ARRIVAVA IL FONDO

  

TRADUZIONE

 ERO SEDUTO  SUL CIGLIO DEL POZZO

DA LI PENSAVO, E  MI GURDAVO INTORNO

 L’ARIA NON E’ PIU’ LA STESSA

SEMBRA AVVELENATA, COME SE NON AVESSI

RESPIRATO. IL CIELO E’ BRUTTO, ANCHE LUI S’E’ STANCATO,

COME SE FOSSE MALATO

 E INTANTO LA VITA MIA,  SENE VA… 

ERO SEDUTO VICINO AL POZZO

DA LI GUARDAVO GIU’ QUANT’E’ BRUTTO

C’ERA UNO CHE AVEVA UCCISO IL FRATELLO

E CHE RIDEVA COME UN DANNATO

 DONNE PIANGENDO CON I BIMBI IN BRACCIO

KI E’ MALATO E CHI NON HA IL PANE

POI CHI SCAPPA CHE E’ CADUTA UNA BOMBA

E CHI DICE EVVIVA LA GUERRA

 E INTANTO LA VITA MIA,  SENE VA…

SONO SEDUTO PROPRIO SUL POZZO

E SENTO UN VENTO CHE QUASI MI PORTA

UN VENTO STRANO CHE VIENE DA LONTANO

E’ FREDDO E NERO, E’ UN VENTO STRANO

KI SI BUTTA A TERRA CHE NON VUOLE VIVERE

CHI INVECE SI DEVE BUCARE

SENZA SENTIMENTO COSI’ SI TIRA AVANTI

A CHI FA PRIMA A RIEMPIRSI LA PANCIA

 E INTANTO LA VITA MIA,  SENE VA…

 

 JAMME JAMMÈ.

Testo e musica di Nazario Tartaglione (S.I.A.E)

Tratto dall’album “TRIBU’”.

                                                                                                                                        

RITORNELLO:                                                                                                                                                                              

JAMME JAMME’ NE ZIA CUNCE’

MI-                 RE      MI-       RE               

DIMME CHE  E’ CAGNET JINDE A STU MUNNE

MI-                               RE                           MI-                     

E PECCHE’

RE

JAMME JAMME’ NE ZIA CUNCE’

DIMME CHE E’ SUCCESSE JINDE A STU MUNNE

E PECCHE’

  

E STA SETTETE ANGORE ANGORE MMEZE A VIJE

LA -                                                MI-

KA CUCE JINDE A STA PECUNDRIJE

LA -                                                MI-

‘U SOLE VATTE FORTE MA NEN TE FA PENA’

LA-                                                 MI-

STA BBETUETE E LASSA FA

LA-              SI7                    MI-

  

E PASSE ‘U TEMBE E CHE FA  AH AH AH

MI-                  RE                    DO7          SI 7

‘U SINT E LASSA PASSA’

MI-                  RE                    DO7          SI 7

 

KA ‘U MUNNE GIRE ACCUSI’

MI-                  RE                    DO7          SI 7

 

E TU KA ‘U VIDE MURI’

MI-                       RE            MI-     

  

E VATTE ‘U SOLE SOPE A STU PERTONE SI

MI-                  RE                  LA-   DO7     SI 7   MI-

 

E VATTE FORTE MA CHE VATTE A FA

MI-                  RE                  LA-   DO7     SI 7  

 

E VATTE ‘U SOLE SOPE A STU PERTONE

MI-                  RE                  LA-   DO7     SI 7  

 

E TU NE RIRE CCHIU’…

LA-   DO7     SI 7   MI-

 

RITORNELLO.

  

E STA SETTETE COME ‘NDANNE MMEZE A VIJE

QUANDE CE STEVE MMEZE A VIJE

A FILE I CARRE KA GERAVENE CHE L’UVE

JEVE ‘NA FESTE E ‘U DICE PURE

 

E GIRE ‘U MUNNE E CHE FA

E GIRE E FALLU GERA’

KA ‘U TEMBE PASSE ACCUSI’

E TU KA ‘U VIDE SPARI’

 

E VATTE ‘U SOLE SOPE A STU PERTONE SI

E VATTE FORTE MA CHE VATTE A FA

E VATTE ‘U SOLE SOPE A STU PERTONE E TU

NE RIRE CCHIU’…

 

TRADUZIONE

JAMME JAMME’, DAI ZIA CONCETTA,

DIMMI CHE E’ CAMBIATO IN QUESTO MONDO

E PERCHE’

 JAMME JAMME’, DAI ZIA CONCETTA

DIMMI CHE E’ SUCCESSO A QUESTO MONDO E PERCHE’

E SEI SEDUTA ANCORA PER LA STRADA

CUCENDO IN QUESTA NOIA ASSOLATA 

IL SOLE BATTE FORTE MA NON TI FA PENARE

 SEI ABITUATA E LASCI FARE…

 E PASSA IL TEMPO E CHE FA AH AH AH

 LO SENTI E LASCIALO PASSARE 

CHE IL MONDO GIRA COSI’

 E TU CHE LO VEDI MORIRE

 E BATTE IL SOLE SOPRA AL TUO PORTONE

 E BATTE FORTE MA CHE BATTE A FARE 

E BATTE IL SOLE SOPRA AL TUO PORTONE

 E TU NON RIDI PIU’ 

E STAI SEDUTA COME UNA VOLTA PER LA VIA

QUANDO C’ERA PER LA VIA

LA FILA DEI CARRI CHE GIRAVANO CON L’UVA

ERA UNA FESTA. E LO DICI PURE…

 

E GIRA IL MONDO E CHE FA

E GIRA E FALLO GIRARE

CHE IL TEMPO PASSA COSI’

E TU CHE LO VEDI SPARIRE

 

E BATTE IL SOLE SOPRA AL TUO PORTONE

E BATTE FORTE MA CHE BATTE A FARE

E BATTE IL SOLE SOPRA AL TUO PORTONE

E TU NON RIDI PIU’ 

 

RITORNELLO.

 

 

GESE CRISTE.  

TESTO E MUSICA DI NAZARIO TARTAGLIONE  (S.I.A.E.)

TRATTO DALL’ALBUM “NOMADE MEDITERRANEO”

 

GESE CRISTE E' SCENDE DA CROCE                                              

CA  'NGIA FACEVE CCHIU'

DE VEDE' STU MUNNE 'MBAZZUTE

'NGELA FACEVE CHIU'

  

DE VEDE' CHI CAMBE E CHI MORE PE QUATTE LIRE

CHI CUMANDE E VA NNANZE SENZA PAURE

E CHI INVECE CE MAGNE PENE E PAVURE

  

GESE CRISTE E' SCENDE DA CROCE

CA  'NGIA FACEVE CCHIU'

DE VEDE'  STU SOLE MALETE

'NE GELA FACEVE CCHIU'

 

DE VEDE' CHI CIDE I CRIATURE E MMENE LI BOMME

SOPA 'A TERRE DE CRISTE MMENE LI BOMME,

SOPE A TERRE DE CRISTE MMENE LI BOMME

 

RITORNELLO:

 

GESE CRISTE, GESE CRISTE,

BIETE A CHI T'HA VISTE

SOPE A CROCE DRETE A CROCE

HA NNASCUSE A FACCE

GESE CRISTE, GESE CRISTE,

VIETE A CHI T'HA VISTE

SOPE A CROCE DRETE A CROCE

HA NNASCUSE A FACCE E NEND CCHIU'

  

GESE CRISTE E' SCENDE DA CROCE

CA  'NGIA FACEVE CCHIU'

A  VEDE' CHI T'HE TUTTE E CHI T'HE NENDE 

'NGELA FACEVE CHIU'

 

A VEDE' CHI MANGE E CE BOTTE E T'HE A PELLA BIANCHE

E CA CENE FOTTE DE CHI NE T'HE 'U PENE

NANZE A TELEVISIONE T'HE' SAZIJE PURE 'A 'U KENE

 

RITORNELLO:

 GESE CRISTE, GESE CRISTE,

BIETE A CHI T'HA VISTE

SOPE A CROCE DRETE A CROCE

HA NNASCUSE A FACCE

GESE CRISTE, GESE CRISTE,

VIETE A CHI T'HA VISTE

SOPE A CROCE DRETE A CROCE

HA NNASCUSE A FACCE E NEND CCHIU'

 

TRADUZIONE

Gesù Cristo è sceso dalla croce

Che non cela faceva più

Di vedere questo mondo impazzito

Non cela faceva più 

Di vedere chi vive e chi muore per 4 lire

Chi comnda e va avanti senza paura

E chi invece mangia pane e paura

 Gesù Cristo è sceso dalla croce

Che non cela faceva più

Di vedere questo mondo malato

Non cela faceva più

 Di vedere chi uccide i bambini,

e butta le bombe, sulla terra di Cristo buta le bombe

 Ritornello:

Gesù Cristo, Gesù Cristo

Beato chi t’ha visto

Sulla croce, dietro la croce

Ha nascosto la faccia,  e niente più…

 Gesù Cristo è sceso dalla croce

Che non cela faceva più

Di vedere a chi tutto e a chi niente

Non cela faceva più 

A vedere chi mangia, è sazio ed ha la pelle bianca,

e sene frega di non ha il pane

Davanti alla tv è sazio anche il cane

 Ritornello.

  

Camine  e camine. 

Testo e musica di Nazario Tartaglione.   (SIAE)

Tratto dall’album  "NOMADE MEDITERRANEO"

 

E camine e camine, Sope a stred vacante

LA -

Che stu sole ka vatte, Ke sta povela ngolle

E camine e camine, Che stu core ka perde, 

MI7

ku curaggije 'nzerrete

 E camine e camine, ki sti pide buttete

ke sti mene ncallute, ke sta voglie de nend

e camine e camine, proprie dope a mundagne,

sende, già ce sta 'u mere

 

e camine e camine, ki penzeire de semb

ka paure de sembre e ku kore de sembe

e camine e camine, e ne penzanne a nende, 

e ne penzanne a nende

 e camine e camine, ka cammicee da jire

u sudore da jire, e  reseta 'mbastete

e camine e camine, come fusse nu chene,

nu chene 'mbaddunete

 ritornello: chissà chissà quande mea fermà

                  RE-  LA-       SI7        MI7

                 chissà chissà  quande mea settà

 

e camine e canine sole nu poche d'acque

pe sta vocca vellenete pe stu musse secchete

e camine e camine  a fundenne jè cchiù sotte 

vucine a quella chese

 

e camine e camine ka paure jind au pett

ka ne baste arrevà ta truwà sembe 'u stesse

 ka camine e camine e ne cagne meje nednde,

e meje nende è cagnete

 

 ritornello: chissà chissà quande mea fermà

                  RE-  LA-       SI7        MI7

                 chissà chissà  quande mea settà

 

  

TRADUZIONE

E ancora cammino, su questa strada vuota

Con il sole che batte e questa polvere addosso

E ancora  cammino, con il cuore che perde

Col coraggio nascosto.

 Io ancora cammino con i miei piedi gonfi

Con le mani incallite e una voglia di niente

E ancora cammino, dopo quella montagna

Sento ci sarà il mare

 

E ancora cammino, con i pensieri di sempre, la paura di sempre,

e con il cuore di sempre, io cammino cammino e non penso più a niente

 e cammino cammino

con la camicia di ieri, il sudore di ieri

e la risata impastata e cammino cammino,

come fossi un cane, un cane abbandonato

 ritornello:

chi sa, chi sa, dove  finirà

chi sa, chi sa, dove mi lascerà

  

e cammino cammnino,

solo un pò d’acqua per questa bocca avvelenata,

per queste labbra spaccate,

e cammino cammino,

la fontana è li in fondo, vicino quella casa.

 

E cammino e cammino con la paura nel petto,

che non basta arrivare che troverai sempre lo stesso,

e cammino cammino, ma  non cambia mai niente, e mai niente è cambiato. ..

 ritornello:

chi sa, chi sa, dove  finira

chi sa, chi sa, dove mi lascerà

 

MONOLOGO INTERIORE DI UN DISOCCUPATO. 

Testo e musica di Nazario Tartaglione.   (SIAE)

Tratto dall’album  "NOMADE MEDITERRANEO"

 

TUTTO IN MI-   (CANTARE RINGHIANDO)                  

 

ME RUSPEGNE LA MATINE

KE STU SOLE MBACCE A L’OCCHIJE

E STA STREDE CH’E’ RUMASTE SEMBE A STESSE

 

SENTE ‘U SANGHE JIOND A LI VENE

CA CAMINE MMEZE ‘A RAJE

MMEZE ‘A RAJE DE CHI T’HE I MENE TACCHETE

 

E M’APPICCE A SEGARETTE

E ME SPIJE NU POCHE ADDRETE

PE  CAPI’ PE SAPE’ NDO’ JE’ CH’E’ SBAGLIETE

 

MA NEN TROVE ‘NA RESPOSTE

 OPPURE NE TROVE MILLE

‘U FATTE JE’ KA E’ GIA’ TUTTE SESTEMETE

  

RITORNELLO:

KI TE VO’ MELE, KI TE VO’ BBENE

MA TE VULESSE ACCIDE…  4V.

(SPUTO….)

 

DICE PINZE A LU FUTURE

DIMME TU QUELE FUTURE

KA CE PO’ STA’ CCHIU’ JINDE A STU PAESE

 

ANDO’ CHIAMENE FATIJE

‘U LAVORE A SFRUTTAMENDE

CA TE RRUBBE A VITE, A VITE DA JINDE AI MENE

 

AI POLACCHE ALL’ALBANESE

E PURE AI MERIDIONELE

SIME TUTTE QUANDE TUTTE, A STESSA COSE

 

COME BESTIJE APPISE AU GANCE

C’HANNE JUNDE E PREPARETE

PE SPELLARCE COME CARNE DA MACELLE

 

RITORNELLO:

KI TE VO’ MELE, KI TE VO’ BBENE

MA TE VULESSE ACCIDE…  4V. (SPUTO….)

  

DICE  E ALLORE VAVATTINE                                         

FUJE E VA A TRUWA’ FERTUNE

E TE TRUVE NATA VOTE ‘MBACCE AU MURE

 

SE L’AFFITTE DE ‘NA CHESE

C’HE FRECHETE ‘NU STEPENDIJE

TU MA DICE COME POZZE A TERRA’ ANNANZE

 

E M’AGGIRE JIND ‘A LU LETTE

FUSSE NETE MALAMENTE

FORSE FORSE AVESSE AVUTE LU CURAGGE

 

DE CAGNARLE QUESTA VITE

DE CAGNARLE VERAMENTE

E FENIRLE DE FA SEMBE LU PEZZENTE

  

RITORNELLO:

KI TE VO’ MELE, KI TE VO’ BBENE

MA TE VULESSE ACCIDE…  4V.

(SPUTO….)

 

TRADUZIONE

 

 MI SVEGLIO LA MATTINA

CON QUESTO SOLE SUGLI OCCHI

E QUESTA STRADA CHE E’ RIMASTA

SEMPRE LA STESSA

 

SENTO IL SANGUE NELLE VENE 

CHE SI MUOVE TRA LA RABBIA

DI CHI HA LE MANI LEGATE

 

E M’ACCENDO UNA SIGARETTA

E MI GUARDO UN PO’ INDIETRO

PER CAPIRE, PER SAPERE DOVE HO SBAGLIATO

MA NON TROVO UNA RISPOSTA

OPPURE NE TROVO MILLE

IL FATTO E’ CHE E’ GIA’ TUTTO STABILITO

 

RITORNELLO:

CHI TI VUOLE MALE, TI VUOLE BENE

MA   TI VORREBBE UCCIDERE

  

DICE PENSA AL FUTURO

MA DIMMI TU QUALE FUTURO

CI PUO’ ESSERE IN QUESTO PAESE

 

DOVE CHIAMANO LAVORO

IL LAVORO A SFRUTTAMENTO

CHE TI RUBA LA VITA DALLE MANI

 

AI POLACCHI, AGLI ALBANESI,

ED ANCHE AI MERIDIONALI

SIAMO TUTTI LA STESSA COSA

 

COME BESTIE APPESE AL GANCIO

C’HANNO UNTE E PREAPRATE

PER SPELLARCI COME CARNE DA MACELLO

 

RITORNELLO.

 

DICE E ALLORA VATTENE

CORRI A TROVARE FORTUNA

E TI RITROVI DI NUOVO CON LE SPALLE AL MURO

 

SE L’AFFITTO DI UNA CASA COSTA UNO STIPENDIO,

MI DICI COME FACCIO A VIVERE

 

E MI RIGIRO NEL LETTO

FOSSI NATO CATTIVO

FORSE AVREI AVUTO IL CORAGGIO

 

DI CAMBIARLA QUESTA VITA,

DI CAMBIARLA VERAMENTE

E FINIRLA DI FARE SEMPRE IL PEZZENTE

 RITORNELLO.

 

 

SOLEAMARO.

Testo e musica di Nazario Tartaglione. (S.IA.E.)

Tratto dall’album  "NOMADE MEDITERRANEO"

 

E A LUNE PASSE A ZITTE SOTTE AU CIELE                             

E SEN’AVVEDE

I FA PAVURE , I FA PAVURE  A VERETA’

 

E A GENDE DORME E SONNE JIND A LI LETTE

 SENZA RAGGIONE

LASSILE STA LASSELI STA ANNA REUSA’

 

RITORNELLO:

A CHI NE VO VEDE’

A CHI NE VO SAPE’

A CHI NE VO’ CAPI’

A CHI NE VO’ SENTI’

QUESTO SOLE AMARO

  

E SCIUTE U SOLE SOPE AI CHESE

E SOPE A LI MESERIJE

STORIJE DE GENTE DE GENTE CA NE PO’ CAGNA’

CHI CE MBRIECHE E CHI CE BBUCHE

DE  PRIMA MATINE

CA VITA SOTTE SOTTE A QUILL’OCCHIJE

CA ‘ZANNE CCHIU’ SUNNA’...

 

 RITORNELLO:

A CHI NE VO VEDE’

A CHI NE VO SAPE’

A CHI NE VO’ CAPI’

A CHI NE VO’ SENTI’

STU SOLE AMARO

  

TRADUZIONE

E la luna passa zitta sotto al cielo

E sene accorge

Le fa paura la verità

 E la gente dorme e sogna nei letti

Senza ragione

Lasciali stare, devono riposare

 Ritornello:

a chi non vuole vedere

a chi non vuole sapere

a chi non vuole capire

a chi non vuole sentire

questo sole amaro

 

s’è alzato il sole sopra le case

e sopra le miserie

storie di gente che non può cambiare

chi s’ubriaca e chi si buca di primo mattino

con la vita sotto ad occhi

che non sanno più sognare 

ritornello:

a chi non vuole vedere

a chi non vuole sapere

a chi non vuole capire

a chi non vuole sentire

questo sole amaro

 

Madonna  bella.

testo e musica di Nazario Tartaglione (s.i.a.e.)

TRATTO DA "IL CANZONIERE DI SAN SEVERO " VOL. N. 1


 

Chi è sciute fore paese  pe truwà fatije                                         

re-                      do       sol   re-

E penze matine e sere, penze a  la chesa sije                                

 Ka andò sbatte 'a chepe, ‘nen ge  stà lavore                                  

 E pe putè cambà ce n’he jute ‘na vote e bbone                                             

  Ritornello:

Madonna Madonna belle ka va geranne ka calandrella            

re-                          do               sol                       re-

 Madonna Madonna Nera ka va geranne pe' San Zevere       

 Madonna Madonna mia famme 'na razie se lu vo Dije

 Madonna Madonna mia famme 'na razie pu core tije…

  

e pe chi stà malete e nen' ge na fide cchiù

 pure pe chi ha sbagliate ka ne  sbagliasse

 pi giuvene e i wagliune ka ‘n zanne lu future

 sta chi parle de werre, parle de were e dice t'u ggiure

 

Ritornello.

 Cambio. 

se te fermasse nu mumente te sciugasse lu sudore

sol7                      fa                                    re-           

sope a quella faccia belle t’asciugasse ogni delore 

ma ce sta troppe rumore, troppe e nen t’arrive a voce

de stu core sventurete

  

Ritornello.

 

TRADUZIONE

 Chi è emigrato per trovare lavoro

E pensa mattina e sera al paese suo

Che ovunque sbatti la testa non c’è lavoro

E per poter campare sen’è andato una volta per tutte

 Ritornello:

Madonna Madonna bella

Che vai in giro con la calandrella

Madonna Madonna nera

Che vai in giro per San Severo

Madonna Madonna mia

Fammi una grazia se lo vuole Dio

Madonna Madonna mia

Fammi una grazia per il cuore tuo

E per chi è malato, che non cela fa più

Pure per chi ha sbagliato, che non sbagliasse più

Per i ragazzi ed i bambini che non sanno il futuro

C’è chi parla di guerra e dice telo giuro

 Ritornello.

 Cambio:

se ti fermassi un momento ti asciugherei il sudore

 sopra quella faccia bella t’asciugherei ogni dolore

ma c’è troppo rumore, e non ti arriva la voce,

di questo cuore sventurato

  

DURME DURME.

Testo e musica di Nazario Tartaglione (S.I.A.E)

TRATTO DA” IL CANZONIERE DI SAN SEVERO” VOL. N. 1

 

Durme durme criature belle

Ka la notte piccie li stelle

E li piccije ke tutte ‘u core

Durme durme ki sti parole

 

Durme durme belle de mamme

Durme e a culle sta nazzechianne

Sotte e sope tutte la notte

Durme durme ke te ‘n borte

 

Ritornnello:

Ninna ah ninna oh

Durme belle durme mo

 

Durme durme criature belle

Durme du’ ke sta cantelene

Ka te cante tutte lu bbene

Ka te leve tutte li pene 

 

Durme durme belle de nonne

Durme se no ‘rrive ‘u paponne

Durme durme ki sti parole

Te li cante a voce du core

 

Ritornnello:

Ninna ah ninna oh

Durme belle durme mo

 

 

 traduzione 

Dormi dormi bambino bello

Che la notte accende le stelle

E le accende con tutto il cuore

Dormi dormi con queste parole

  

Dormi dormi bello di mamma

Dormi che la culla ti sta cullando

Su e giù tutta la notte

Dormi dormi che tene importa

  

Ritornello:

ninna ah ninna oh

dormi bello dormi mo

 

dormi dormi bambino bello

dormi dormi con questa cantilena

che ti canta tutto il bene

che ti toglie tutte le pene

 dormi dormi bello di nonna

dormi se no arriva il folletto

dormi dormi con queste parole

tele canta la voce del cuore

 Ritornello:

ninna ah ninna oh

dormi bello dormi mo

   

Del Mediterraneo e del mare dei miei occhi…

Il Canzoniere di San Severo

Vol. n. 2

 

di

 Nazario Tartaglione

 

brani originali

 con traduzione in italiano.

 

(stiamo lavorando per voi...)

La cinquecento

testo e musica di Nazario Targalione ( s.i.a.e)

 

e chi la vuole rossa e chi la vuole bianca

con gli occhi neri a me mi basta che respiri

e chi la vuole bruna e chi la vuole bionda

e chi la vuole bassa a me mi basta con le gambe

 

ritornello:

che se tenessi una cinquecento andrei facendo il pascià

con le donne a cento a cento andrei facendo il gagà

ma c’ho solo questo tre ruote e Carmela non vuole salirci

che se non lo spingi non si muove e lei non vuole salirci

 

e chi la vuole bella e chi la vuole snella

e chi la vuole nera a me mi basta con le pere

e chi la vuole bruna e chi la vuole chiara

e chi la vuole tosta a me mi basta che non costa

 

ritornello:

che se tenessi una cinquecento andrei facendo il pascià

con le donne a cento a cento andrei facendo il gagà

ma c’ho solo questo tre ruote e Carmela non vuole salirci

che se non lo spingi non si muove e lei non vuole salirci

 

cambio:

bionda, morena

alta di schiena,

gatta o sirena,

come la vuoi

liscia o gasata,

innamorada o laureata

come la vuoi

 

 

sud dolente

testo e musica di Nazario Targalione ( s.i.a.e)

 

mafiosi, imbroglioni, galeotti politici corroti

immigrati nuovo sotto proletariato

disoccupazione anime a buon mercato

 

ritornello

sud dolente qui non cambia niente

sud dolente

sud spiacente non si muove niente

 sud dormiente

 

bianchi e neri gialli e rosi

 tutte le razze di ogni paese

chi prega Allah chi Gesù Cristo,

chi si fa saltare in aria

 

 

ritornello

 

cambio:

vorrei cantare questa canzone per cambiare

 

A chi lu vo'.

testo e musica di Nazario Targalione ( s.i.a.e)

 

E durme durme belle de la mamme

Jind ‘a  la culla ka va nnazzechianne

 

A chi lu vò quistu creature

Ji ce lu denghe pe nu raspele d’uve

 

E durme durme belle de la nonne

Ka sotte au titte l’acque nen te ‘mbonne

A chi lu vo stu criaturille

Ji ce lu denghe pe duej jatte e nu rille

 

Rit.

E quante si belle che quella vocuccia

Roscia roscia roscje

E quante si belle che quilli manucce

Duce duce duce

 

A chi vulesse cantà sta canzone che mme, che mme, 

Che nu file de voce

 

E durme durme belle de la chese

E durme che lu bbene  e che li vese

A chi lu vo quistu creature

Ji ce lu denghe pe nu jalle e nu mule

 

Rit.

E quante si belle che quille occhije nire

Vive vive vive

E quante si belle che quilli guancille

Tise tise tise

 

A chi vulesse cantà sta canzone che mme

a vascia voce

 

 

finale

E durme durme belle de la vije

E durme durme che la vocia mije

A chi lu vo stu fetendille

Je ce lu denghe  pe nu rre  e nu cardille 

  

traduzione.

 e dormi dormi bello della mamma

nella culla che va dondolando

a chi la vuole questa creatura

io glielo da per un raspollo di uva

 e dormi dormi bello della nonna

che sotto il tetto la pioggia non ti bagna

a chi lo vuole questo bambinello

io glielo do per due gatti ed un grillo

 

ritornello:

e quanto sei bello con quella boccuccia

rossa rossa rossa

e quanto sei bello con quelle manacce

dolci dolci dolci

 a chi volesse cantare questa canzone con me con un filo di voce…

 

e dormi dormi bello della casa

 e dormi con il bene e con i baci

a chi la vuole questa creatura

io gliela do per un gallo ed un mulo

  

ritornello 

finale.

 e dormi dormi bello della via

e dormi dormi con la voce mia

a chi lo vuole questo fetendello

io glielo do per un re ed un cardillo.

 

 

Carmele ‘a racchie.

Testo e Musica di Nazario Tartaglione   (s.i.a.e)

 

 

traduzione

 

Carmela la racchia c’ha una gatta che si siede grassa grassa

s’è leccato tutto il piatto e c’ha il sedere che gli scoppia 

Carmela la racchia c’ha un cane  che non capisce o fa l’indiano

davanti al piatto sano sano mangia come un sacrestano

 e se la vedi all’improvviso tu rimani impressionato

nemmeno il diavolo si affaccia se prima non si copre la faccia.

  

Carmel la racchia c’ha un ciuco con le orecchie mosce mosce

che si pulisce sempre il muso e a cui piace il cuss cuss

 Carmela la racchia c’ha una vacca che non crepa e che non schiatta

che si siede su di un’anca e che l’ha fatta sulla piazza 

 e se la vedi all’improvviso tu rimani impressionato

nemmeno il diavolo si affaccia se prima non si copre la faccia.

  

ritornello:

carmela carmè, sapessi perchè,

chi non ha faccia tosta non si marita

e tu con quella faccia rimani zitella.

 

 carmela la racchia c’ha un rospo che si muove cost to cost

che ha mangiato il prociutto e ha fatto anche il rutto

 Carmela la racchia c’ha un gallo che dorme su una spalla

non lo sveglia un tric trac e ti fa pure la pernacchia.  

e se la vedi all’improvviso tu rimani impressionato

nemmeno il diavolo si affaccia se prima non si copre la faccia.

  

ritornello:

carmela carmè, sapessi perchè,

chi non ha faccia tosta non si marita

e tu con quella faccia rimani zitella.

  

 

funtanella funtane.

testo e musica di Nazario Tartaglione

 

fontanella fontanè, butti l’acqua sulla piazza,

vanno a bere i bambini e appresso i cani e i gatti,

 fontanella fontanè, butti l’acqua sotto il sole

che noi giocavamo a pallone, a pallone all’angolo di strada…

 

quanta storia è già passata proprio davanti agli occhi tuoi,

fontanella fontanè, tela ricordi la storia mia?

 quanta vita è già passata proprio dvanti agli occhi tuoi,

fontanella fontanè, la sai la vita mia?

 

fontanella fontanè, butti l’acqua sulla piazza

vanno a bere i vecchietti e qualche pazzo,

quanta storia è già passata proprio davanti agli occhi tuoi,

fontanella fontanè, tela ricordi la storia mia?

 

quanta vita è già passata proprio davanti agli occhi tuoi,

fontanella fontanè, la sai la vita mia?

 fontanella fontanè, butti l’acqua sulla piazza

vanno a bere i vecchietti e qualche pazzo…

 

 

Li rose e ’i jurne.

testo e musica di Nazario Tartaglione  (s.i.a.e.)

 

 

 

traduzione

 sopra le stelle brilla la luna

e dormi tu, dormi piccolino mio 

sotto  la luna cantano le stelle

per addormentare te, dormi bambino mio

 

ritornello:

che la notte è lunga e tu non devi vederla,

spezzare le rose e i giorni,

no tu, senza sole non la devi vedere

 

sopra alle stelle, ti guarda la luna

e dormi tu, dormi piccolino mio.

 

 ritornello:

che la notte è lunga e tu non devi vederla,

spezzare le rose e i giorni,

no tu, senza sole non la devi vedere

 

sopra le stelle brilla la luna

e dormi tu, dormi piccolino mio

 

 

 

 

Tribù.

testo e musica di Nazario Tartaglione  (s.i.a.e.)

 

 

 

traduzione

 c’è uno che si sta ubriacando

qui proprio sotto casa mia

un altro che passa ridendo

pensa che il mondo è tutto suo

ma camminando lungo il ciglio

inciampa nella bottiglia

  

ritornello:

sotto questo cielo blu, siamo tutti una tribù

 

e c’è chi si nasconde nelle chiese per pulirsi la coscienza

con un rosario e quattro lire, ma non sa che non risolve niente

perché non basta il segno della croce il mondo ti aspetta fuori,.

  

ritornello:

sotto questo cielo blu, siamo tutti una tribù

  

cambio:

aspetta, ma non vedi che tutto è cambiato,

muri caduti e barche perse in mezzo al mare

e facce nuove che non  avevi visto mai

come un regalo in una borsa portano guai.

 ritornello.

 

 

lu barocche sanzevrese.

testo e musica di Nazario Tartaglione (s.i.a.e)

 

 

traduzione.

 se cammini per i vicoli  ovunque guarderai

vedrai bellezze  antiche, strade dove il tempo s’è fermato

anche dopo il terremoto del ‘627

San Severo non s’è arreso, s’è rialzata la Porta del Gargano

 

ritornello:

e quant’è bello San Severo con i palazzi e con le chiese,

i monasteri e i campanili, è il Barocco Sanseverese

e quant’è bello San Severo, con i portali e i balconi,

le cappelle e l’Arco della Neve, è il Barocco Sanseverese

  

se cammini per le strade ovunque volti il capo,

vedi solo palazzi antichi, archi e dentro pozzi e giardini,

San Severo paese bello del Regno Napoletano,

dove artisti e scalpellini lavora il marmo di Apricena.

  

ritornello:

e quant’è bello San Severo con i palazzi e con le chiese,

i monasteri e i campanili, è il Barocco Sanseverese

e quant’è bello San Severo, con i portali e i balconi,

le cappelle e l’arco della neve, è il Barocco Sanseverese

  

cambio:

aiutami a capire quanta bellezza sei

aiutami a scoprire quanta bellezza sei

 

 

           ''IL CANZONIERE': PRIMO TESTIMONE MUSICALE

DELLA TRADIZIONE POPOLARE CITTADINA

PREFAZIONE DI LUIGI VIOLANO

18 BRANI INEDITI IN VERNACOLO OPERA DEL CANTAUTORE NAZARIO TARTAGLIONE

E’’Il Canzoniere di San Severo volume 1°’, opera del cantautore sanseverese Nazario Tartaglione, il primo testimone musicale,inedito, della tradizione popolare dialettale locale . Un prezioso cofanetto contenente 18 brani. L’originalità del lavoro, risiede nell’ osmosi perfetta tra testi e musiche, nella naturalezza di chi scrivendo e cantando lascia emergere i propri stati d’animo profondi.  Tramite i generi pop, rock ed etno pop, l'autore tocca la bellezza ideale materializzandola in parole retoricamente ricche, gioiose e dolorose contemporaneamente. Riflessioni profonde su: vita, disoccupazione ('Monologo interiore di un disoccupato') ,emarginazione, testimoni di un iter umano ed artistico vissuto pienamente. importanti anche: folklore musicale: invocazioni, lamentate, danze primitive, propiziatorie ('Ajsce sole'), povertà ('U matone'), gli  omaggi alla Patrona cittadina: Maria Vergine del Soccorso ('Madonna bella' e 'Madonna nera'), con cui Tartaglione parla intimamente, mettendo in evidenza i contorni tipici della festa Patronale paesana e la tradizione pirotecnica (‘Madonna nera’). La cattiveria umana fa ribrezzo anche a Cristo che, ‘scende dalla croce’ (Gese Criste). C’è anche l’allegria che, fuoriesce dall’organetto di 'Zi Pasqualine', ancora utile, come una volta,a rallegrare la gente del rione. Si tratta, però, di proiezioni ideali dell’ anima in tempi non suoi, eternati,dai contorni immutati. Tartaglione cammina su strade impervie ('Camime e camine') e stando seduto sull' orlo del pozzo, trova una pausa di riflessione ('U puzze'), l’occasione per tessere ad un barbone notturno, vagante e solitario, un letto di alberi, sotto le stelle ('Sott a li stelle') oppure avvicinarsi  ad un bimbo intonandogli una ninna nanna ('Durme durme') in cui, lo stridio delle corde della chitarra che accompagna il brano, lo rende musicalmente apprezzabile. Compagno d’avventura del cantautore, è il canto ('Cante cante'), utile a sollevarlo dalle fatiche. Egli, nonostante ('E' scute jurne'), vede sulla sua testa un ('Sole amaro'), un mondo immutato in cui i ricchi schiacciano i poveri ('Jamme Jamme').  I brani ('Ne dicenne cchiu'') e ('U core pazze'). parlano d’amore, quello che gl' invade il cuore , minato dall’ invidia altrui. Spazio, in una città a vocazione agricola come la nostra, al  tema della terra ('Canto dalla terra n° 5'). Sul piano sonoro, Il' Canzoniere' è un misto sapiente, equilibrato di sonorità naturali ed elettroniche.

                                                                                                                                                                                                      LUIGI VIOLANO

 

 

Lettera aperta.

La cultura popolare ed il suo ruolo.

 

Sentire definire la cultura popolare e le proprie espressioni artistiche come qualcosa di negativo, di riduttivo o, se pretendono di coprire funzioni della cultura colta, addirittura  di offensivo, è cosa triste, eppure capita spesso.

Io in qualità di autore di un progetto di canzoni dialettali e quindi di musica popolare, come “ Il Canzoniere di San Severo”, mi permetto di obiettare.  

 

La prima cosa che va chiarita è che  una creazione artistica dovrebbe comunicare a tutti o comunque al più alto numero di persone possibile e non selezionare i destinatari,  e quando ciò riesce è segno che l’opera è ben fatta.

Si scrive, si suona, si dipinge… per condividere, non per distinguersi.

Parlando della cultura  poi, qualcuno afferma addirittura  che l’unica vera cultura è quella popolare. Pur non condividendo questa posizione così estrema,  va detto che un plusvalore che distingue la  cultura popolare   è la sua autenticità, la mancanza di sovrastrutture, e quindi la possibilità di accogliere ed esprimere verità spesso profonde  sia dell’individuo che della comunità, senza veli ne ipocrisie.
Quindi  un osservatorio dell’animo collettivo ed individuale  importantissimo.

La  cultura popolare diventa così un parametro per misurare la civiltà di una nazione. Più alto è il suo livello più alto sarà il livello di civiltà di un paese.

Pensiamo ad esempio ai paesi  del nord Europa o all’Inghilterra, li dove il teatro e l’opera sono comunemente  di accesso popolare. È evidente che c’è la volontà di condividere e di elevare, e non di usare la cultura e l’arte come  titoli di studio, cioè per pregiudicare e selezionare...

Disprezzando  la cultura popolare inoltre si disprezzano inevitabilmente le proprie radici.

Popolare è il dialetto, che caratterizza il nostro italiano e ci rende subito identificabili fuori paese.

Popolare  è la nostra cucina e la tradizione culinaria.

Popolari sono i concetti di mestiere, di arte, di lavoro e sacrificio, alla base di etiche e progetti di tutte le classi sociali.

Popolari ancora sono le comuni  radici contadine.

  

Sarebbe poi curioso discutere di che cosa è colto e di cosa  non lo è.

Pensiamo a come il teatro nei secoli passati fosse di accesso popolare grazie ai teatri pubblici, una specie di seconda piazza del paese,  mentre oggi è rivolto di solito ad un pubblico selezionato.

Pensiamo a come opere un tempo popolari oggi diventano “colte”  perché antiche, a prescindere dai loro contenuti oggettivi, come ad esempio è capitato alle tarantelle e a numerose opere teatrali dialettali. 

Pensiamo alle canzoni  d’autore che pur avendo contenuto e poetica rimangono “canzonette” perché contemporanee, o perché di successo popolare, e pensiamo alle opere liriche, inizialmente riservate alle corti e ad un elite di intellettuali e aristocratici, diventano puro intrattenimento con l’apertura dei teatri pubblici,  con testi che sono l’equivalente delle moderne telenovelas, e che pur non avendo spesso contenuti  letterari rilevanti, oggi ritornano opere colte perché eseguite in canto tenorile, in eleganti teatri e con costumi sfarzosi.

Pensiamo alle operette, le canzonette d’un tempo, che pur senza un necessario contenuto intellettuale, oggi sono di interesse colto per il fascino che suscitano nell’evocare i tempi passati.  

Pensiamo alle canzoni classiche napoletane, come ‘o sole mio, Turne ‘a Surriento ecc…, nate come canzoni popolari, passate poi alla tradizione e in fine accolte addirittura dal repertorio lirico, e quindi colto.

Pensiamo ai pittori naif, come Ligabue, dapprima nemmeno considerati pittori perché privi di tecnica accademica e poi rivalutati come “artisti  dal cuore sacro”.

Pensiamo ai film di Totò, considerati all’epoca filmetti, ed oggi apprezzati come esempi e scuola di comicità in tutto il mondo.

 

Allora  che cos’è colto e cosa non lo è?  Evidentemente la questione è mal posta.

Si dovrebbe piuttosto stabilire  che cosa è significativo e  cosa non lo è,  che cosa arricchisce e  cosa  no, salvando almeno l’arte dai pregiudizi.

 

San Severo, li 14-12-08

                                                                                  Nazario Tartaglione

                                 

 

PER ASCOLTARE I BRANI DIGITARE:

www.myspace.com/ilcanzonieredisansevero

 

PER RICHIEDERE COPIA e contatti SCRIVERE A :  mediterraneaautori@libero.it